Sono 75.885 le domande di Reddito di Inclusione giunte all’Inps nel periodo fra l’inizio di dicembre e ieri. Lo rende noto l’Inps in un comunicato.

Le Regioni da cui sono state trasmesse il maggior numero di domande sono la Campania, con 16.686 (22%), e la Sicilia, con 16.366 (21,4%), Seguite dalla Calabria, con 10.606 richieste (14,0%). Da queste tre sole regioni arriva dunque ben oltre la metà delle richieste totali. Nelle scorse settimane, dai Caf sono state messe in evidenza le difficoltà nell’affrontare le richieste dei cittadini sullo strumento, formalmente gestito dai Comuni. Il ministro Poletti aveva fissato l’asticella a quota 700mila famiglie, da raggiungere secondo lui entro luglio.

Superiori alle 5.000 le domande trasmesse da Lombardia e Lazio, rispettivamente 5.338 (7,0%) e 5.237 (6,9%). All’opposto, nella graduatoria, si situano la Puglia e la provincia autonoma di Trento, da dove non risultano trasmesse domande, mentre dalla provincia autonoma di Bolzano le richieste arrivate sono solamente 8.

FONTE: Articolo condiviso da: www.vita.it

 

Related Posts

NEWS

Atena Informatica presente all’Assemblea nazionale di ANCI

È stata una tre giorni ricca ed emozionante quella che ci ha visti partecipare alla XXXIX Assemblea annuale dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) che si è svolta alla fiera di Bergamo la scorsa settimana. Abbiamo Read more…

NEWS

Voucher PNRR per la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione Locale

È appena partito il grande progetto di digitalizzazione della pubblica amministrazione locale, da portare avanti da qui al 2026 nell’ambito del PNRR. Il Ministro per l’Innovazione Tecnologica e la Transizione Digitale ha pubblicato gli avvisi Read more…

NEWS

Dallo “Stato sociale” al welfare della conoscenza digitale

La crisi legata al covid19 ha portato a un incremento di tutta la spesa relativa al welfare, includendo i 3 pilastri “tradizionali” (sanità, politichesociali, previdenza) e l’istruzione la stima del 2021 è stata di 632 miliardi di euro, con una crescita Read more…